VIAGGIO TUTTO COMPRESO

 

Nel caso di viaggio tutto compreso, risultante dalla combinazione di almeno due dei seguenti elementi: volo aereo, alloggio, altri servizi (ad esempio escursioni, manifestazioni e spettacoli). Ai sensi della Direttiva 90/314/ CEE e del Decreto Legislativo n. 111 del 17/3/1995, sarà l’organizzatore con il quale il passeggero ha stipulato il contratto ad assicurare ogni tipo di assistenza.

Per questa tipologia di viaggi il passeggero ha il diritto di sapere che:

– deve ricevere dall’organizzatore precise informazioni sul viaggio;

– l’opuscolo informativo deve indicare in modo chiaro, tra le altre cose, la destinazione, l’itinerario, la sistemazione alberghiera, i pasti, il prezzo, nonché informazioni generali in materia di documenti di espatrio e visto d’ingresso;

– le informazioni contenute nell’opuscolo sono vincolanti per l’organizzatore;

– deve ricevere una copia del contratto di vendita con il timbro o la firma della organizzatore;

– ha il diritto di trasferire la propria prenotazione ad un’altra persona dandone notizia all’organizzatore entro e non oltre 4 giorni lavorativi prima della partenza;

– il prezzo pattuito non può essere variato a meno che ciò non sia espressamente previsto dal contratto. In tal caso l’eventuale aumento comunque non può superare il 10% del prezzo originario e non può aver luogo nei 20 giorni che precedono la partenza;

– prima della partenza, nei casi di recesso previsti dal contratto o per la cancellazione del pacchetto non per colpa del passeggero, questi ha il diritto di scegliere un altro pacchetto turistico equivalente (stesso importo riportato nel catalogo) o di qualità superiore senza supplemento di prezzo. Nel caso in cui il pacchetto sostitutivo fosse di qualità inferiore, il passeggero ha titolo al rimborso della differenza.

L’organizzatore è responsabile per qualsiasi inosservanza dei termini contrattuali, pertanto qualsiasi azione dovrà intraprendersi nei confronti dell’organizzatore stesso. Il passeggero può sporgere reclamo mediante raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata all’organizzatore entro e non oltre 10 giorni lavorativi dalla data del rientro.